Un attimo di tregua

Mi piacerebbe conoscere tutti i libri e tutti i quadri,

le lacrime di dolore e le labbra tese delle risate,

i dispiaceri e le piaghe della pelle, la crudeltà e gli sbadigli.

Mi piacerebbe andare fino in fondo ai meandri.

E sentire sulla lingua il gusto del tradimento

e quello, più neutro, della felicità.

Distinguere l’odore del dubbio

e il rumore che fa il dispiacere.

E quello dell’urto delle separazioni.

Non so perché dico tutto questo, probabilmente

perché anche a me piacerebbe sapere chi sono.

Milko Bozhkov – Do you hear the ropes breaking?